Lettino culla scegliere la qualità per preservare la salute del neonato

Scegliere il lettino culla adatto per i nostri bambini è un compito importante e forse a volte difficile. Per scegliere un lettino adatto, dobbiamo attenerci a determinati requisiti di sicurezza. Ciò significa che il lettino dovrà rispettare le norme di legge e contenere materiali atossici. Dobbiamo scegliere un lettino che sia anche facilmente lavabile e pulibile. Vediamo quali sono i requisiti giusti e come rispettare le regole di igiene, sicurezza e qualità.Il neonato passa molto tempo supino addormentato. È bene scegliere quindi un lettino che gli garantisca sicurezza e riposo.

Il primo lettino è la culla. Essa si utilizza fino ai 4/5 mesi. Essa può essere classica o moderna. Il materiale spesso è vimini o legno massello. La culla deve avere una struttura che permetta l’aerazione. Inoltre, è necessaria la presenza di materasso ortopedico antisoffoco e cuscinetto antisoffoco. Può essere con le ruote o sospesa. Alcuni modelli sono pieghevoli e completamente smontabili da portare in giro. Tra gli accessori abbinati, a volte, troviamo anche il velo zanzariera e il baldacchino.

Quest’ultimo protegge il bimbo dalla luce.Dopo i primi mesi di vita del bambino è opportuno scegliere un lettino con le sbarre. Questo tipo di lettino è utile fino ai 4 anni circa. Per sceglierlo dobbiamo rispettare alcune fondamentali ed importanti regole di sicurezza. Un lettino classico è generalmente di forma rettangolare. Il suo telaio può essere in legno (faggio, noce o ciliegio). La vernice utilizzata deve essere atossica e ipoallergenica. È opportuno che il lettino non abbia angoli. L’altezza e la distanza delle sbarre protettive non devono essere casuali ma devono rispettare alcune caratteristiche di sicurezza.

L’altezza delle sbarre deve essere tale da impedire al bambino di arrampicarsi facilmente, con il conseguente rischio di cadere. Anche l’ampiezza delle sbarre è importante. Se da una parte delle sbarre troppo ravvicinate permettono al bimo di arrampicarsi facilmente o di rimanere accidentalmente incastrato con mani e piedi, dall’altra con delle sbarre troppo distanti c’è il rischio che il bambino ci faccia passare completamente la testa.Anche l’occhio vuole la sua parte. Scegliamo la tinta del lettino anche a seconda del colore delle pareti della cameretta.

Manteniamoci sui colori classici come bianco o noce. Se proprio vogliamo dare un tocco di colore optiamo per dei colori pastello. Esistono anche lettini molto carini con teneri disegni di animaletti. Si può optare anche per dei modelli che risultano particolermente utili, ad esempio il lettino con i cassettoni sotto la struttura. Nel cassettone possiamo riporre i vestiti e tutto l’occorrente del bambino.

Tra gli accessori che dobbiamo acquistare troviamo materasso e cuscino antisoffoco in materiale anallergico. Per quanto riguarda il materasso sarebbe meglio non eccedere in morbidezza, meglio optare per un modello abbastanza rigido. Inoltre, la dimensione dovrebbe essere tale da non creare uno spazio, tra il bordo del lettino e il materasso stesso, superiore a due dita. Il paracolpi invece è facoltativo. Non fidiamoci delle marche sconosciute che ci propongono il prodotto a dei prezzi troppo bassi. Il rischio è non aver rispettato le norme di sicurezza CEE!

WhatsApp WhatsApp Chat